Il talento del nemico

Il nemico è il male. Il suo talento è imitare il bene. Ma come nasce il male? Qual è la sua strategia? Qual è il suo talento? E cosa lega il male alla paura? Quando ha cominciato il male a imitare il bene? Perché il libero arbitrio non ci protegge dal male? Come fanno maschere e menzogne a servire il male?
Da queste domande parte un’indagine appassionata alla ricerca delle radici del male, del primo istante in cui è nato, nella mente umana, il bacillo del male. Così come gli scienziati stanno cercando l’origine della vita ricreando in laboratorio il big bang cosmico, anche in questo libro-laboratorio si cerca il big bang del male.
Seguendo tracce e moventi che il male ha lasciato nella storia del pensiero umano, riesaminando gli indizi disseminati lungo un percorso che va dalla mitologia greca all’Advaita Vedanta, dall’Occidente all’Oriente, l’indagine cerca di aprire uno spiraglio tra filosofia e spiritualità in grado di chiarire la ragione per la quale l’essere umano nasce incapace di riconoscere il bene dal male.
Scopriremo che il male, per introdursi all’interno delle società e nelle menti degli esseri umani, adotta delle dinamiche riconoscibili, degli schemi ricorrenti. In ognuno di noi dimora almeno una debolezza, che il male riconosce come il predatore fiuta la preda più debole del gregge.
Ma scopriremo anche che il male non ha una sua propria intelligenza, ed anche le sue strategie di mutazione, trasformazione e adattamento sono meccaniche, elementari, banali. Solo la paura, questa lente deformante della nostra emotività, assegna al male una abilità che non possiede, sopravvalutandolo fino ad attribuirgli una improbabile genialità. Un lavoro di discernimento e ridimensionamento per restituire al male quei pochi, ma reali, talenti che possiede.
Indice
La nascita del male
L’imitazione del bene
Libero arbitrio e male
L’eterna legge di causa ed effetto
Maschere, menzogne e finzioni
Cambiare per guarire
Perdono, punizione e senso di colpa
Tecniche della trasmutazione umana
Bisogno e desiderio
La visione di noi stessi
Le risposte al dolore

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.